buy office 2016 product key office 2016 activation key cheap windows 7 product key purchase windows 7 key buy windows 10 pro key office 2016 product key buy windows professional 7 key
//
Stai leggendo ...

I fatti secondo Marvin

Capitolo I – Rifiuti: discariche, inceneritori, compostaggio e raccolta differenziata

Capitolo I – I rifiuti: discariche, inceneritori, compostaggio e raccolta                                differenziata.

L’inizio

Dal forum di www.boscorealeperamico.it

Scritto da:
Cittadino boschese alias Vincenzo Martire

29-08-2005 – 12:54:54
IP: 82.187.211.46 Piattaforma ecologica a Boscoreale
In questi ultimi anni si sono avute tantissime emergenze sul fronte dei rifiuti, ci si chiede, perchè non si cerca di realizzare anche a Boscoreale una Piattaforma Ecologica

(Brano tratto da http://www.comune.sp.it/comune/regolamenti/regolamento_NU.PDF)
In aggiunta alle Isole ecologiche, è prevista una “Piattaforma Ecologica”, la cui localizzazione terrà conto, oltre che delle esigenze di arredo urbano, anche delle particolari situazioni di viabilità ordinaria, rendendo possibile un facile accesso sia da
parte dell’utenza che da parte degli appositi veicoli utilizzati per lo svolgimento del servizio.
Il Gestore predisporrà nella Piattaforma Ecologica tutti i contenitori specifici per ogni tipo di rifiuto per il quale viene effettuata la Raccolta Differenziata.
Il Produttore, anche abituale, dovrà sempre rivolgersi al personale addetto all’accettazione per la registrazione e le indicazioni relative allo scarico. Lo scarico è a cura del Produttore che deve mettere oggetti e materiali negli appositi contenitori, seguendo le istruzioni fornite dal personale addetto. Quando la Piattaforma è chiusa e/o non presidiata è vietato sia l’accesso che il conferimento dei rifiuti da parte degli Utenti.
E’ in ogni caso tassativamente vietato l’abbandono di rifiuti a fianco o nelle prossimità della piattaforma stessa.

Oggetto: Re: Chiedi all’URP on-line Ricevuto il: 27/02/0709:40

Egr. sig. Martire, risocntriamo le sue mail relative a richieste di informazioni sulla stazione di conferimento, prevista dall’art. 19 del regolamento comunale servizi di igiene urbana, a riguardo il Capo Settore LL.PP. con nota del21.2.07ha comunicato quanto segue:

In riferimento all’art.19 del regolamento di igiene urbana la stazione di conferimento dei rifiuti differenziati è facoltativa. Con il nuovo piano di raccolta integrata dei rifiuti, che andrà in vigore in seguito all’espletamento della gara già in atto, questo Ente effettuerà il prelievo dei rifiuti differenziati (porta a porta) per il 70% degli utenti mentre per l’altro 30% è prevista la raccolta dei rifiuti differenziati di tipo stradale e cioè mediante l’installazione di contenitori e campane“.

Il Capo Ufficio Stampa, Comunicazione e URP

Antonio d’Errico

—– Original Message —–
Da: Comune di Boscoreale
A: <urp@comune.boscoreale.na.it>
Sent: Wed, 7 Feb 2007 08:57:29 +0100
Subject: Chiedi all’URP on-line

MARTIRE Vincenzo
Qualche tempo fa ho chiesto informazioni sulla stazione di conferimento, prevista dall’art. 19 del regolamento comunale servizi di igiene urbana ma non ho ancora ricevuto notizie. Si sollecita una risposta.
Boscoreale,7 febbraio 2007

 

Inceneritori, discariche, veleni e deportazioni

Appello a Berlusconi, a Bertolaso e al Padre Eterno (chiedo scusa al Presidente se non lo identifico ancora con l’Eterno Padre, vorrei prima vedere un miracolo).

Sono un aspirante cittadino, e vorrei capire se gli impianti di compostaggio sono contemplati nel ciclo dei rifiuti. E le piattaforme ecologiche? Negli ultimi decenni tutti quelli che si sono succeduti sul trono dell’emergenza rifiuti in Campania come hanno gestito questo aspetto? Quando se ne discute nei Comuni, la prima obiezione dei politicanti locali è che non ci sono soldi.

Voi al Governo che avete gestito l’emergenza, avete finanziato un inceneritore, tante discariche, perchè non realizzate voi dei siti di compostaggio comunali o intercomunali e le piattaforme ecologiche? E dichiarate questi luoghi aree di interesse strategico nazionale. Per difenderle dal vandalismo e dagli usi criminali. Ho avuto la sfortuna di nascere e risiedere a Boscoreale. Lo Stato vuole farci un regalo con la discarica di Terzigno, ma i disagi futuri saranno quasi totalmente a danno dei cittadini di Boscoreale, tutto già sperimentato con la discarica ora chiusa. Io suggerirei che se proprio dovete farci questo grande regalo, deportateci prima, anche in Germania, al posto della munnezza; solo una preghiera: fate risiedere in modo coatto in paese tutti gli amministratori che negli ultimi decenni, non fatto nulla di efficace per far decollare la raccolta differenziata. Noi cittadini lì impareremo a civilizzarci e se un giorno rientreremo in Campania, sapremo che non dobbiamo mai più votare per uomini incapaci o corrotti.

Smaltimento rifiuti: rimedi peggiori dei mali

Prendendo spunto da una mail inviata a RAI3, mi sono venuti ”Strani pensieri”.
Gentile Francesca Ghidini, a volte mi chiedo perchè i media non ascoltano le segnalazioni di semplici cittadini.
Pensando all’intervista che mi ha fatto, e al servizio mandato in onda, una riflessione mi ha fatto vedere tutto sotto un’altra luce.
Io non sono nè di destra nè di sinistra e questo è un guaio, perchè sono dalla parte del cittadino, quindi il politico e il SISTEMA mi considerano non funzionale ad essi.
Se ciò che si segnala può portare vantaggio alla parte politica di chi gestisce l’informazione, essendo il giornalista comunque schierato, altrimenti starebbe a casa, allora si viene usati, altrimenti si viene ignorati se non addirittura derisi.
Tenendo sempre presente che non si deve comunque danneggiare il SISTEMA, che è il nostro vero padrone, del cittadino e del giornalista. La parte dell’intervista non trasmessa: “E’ urgente istituire una piattaforma ecologica, che costituisce un elemento fondamentale e propedeutico per qualsiasi sistema di raccolta differenziata”.
Alla luce della parte tagliata, si può facilmente dedurre che il servizio trasmesso non espone in alcun modo su come il Comune ha gestito tutto il sistema di raccolta differenziata.
Si sarebbe potuto parlare dei due anni di Commissariamento, dove in piena crisi dell’emergenza rifiuti, i Rappresentanti dello Stato non hanno fatto nulla per attuare quanto prevedeva il Regolamento di Igiene Urbana, ossia realizzare la piattaforma ecologica su un suolo già individuato e di proprietà del Comune, e integrare le campane in numero sufficiente al fabbisogno cittadino.

 

Si sarebbe scoperto che, in data 16 gennaio 2008 adue anni dall’insediamento nel governo del Comune sciolto, in coincidenza della pubblicazione su La Repubblicadella notizia dell’invio di una petizione al Presidente della Repubblica da parte dei cittadini di Boscoreale, tesa ad ottenere l’integrazione delle campane che non erano sufficienti, i Rappresentanti dello Stato emettevano un Comunicato stampa dove si legge testuale ” La Commmissione Straordinaria, con deliberazione adottata nella serata di ieri, ha assunto una decisa azione…. saranno acquistate e collocate n. 40 nuove campane”.

videoRaiBosco

Il Comunicato: http://www.comune.boscoreale.na.it/allegat /n°4-Comunicato_stampa_-Raccolta_differenziata_-16_1_2008_20080116_111529.pdf

Quella parola “IERI”, fa intuire tante cose.

Potrebbe far capire a chi Governa e a chi è governato che pur sciogliendo i Comuni inadempienti non è detto che si risolva il problema della raccolta differenziata.
I Commissariamenti non sono una medicina, a volte si sono dimostrati un rimedio peggiore del male.
Un Sindaco si può non rivotarlo, ma un cattivo Commissario, cosa gli si può fare? Nulla.

 

 

 

La petizione

 

Emergenza rifiuti.

 

In questo momento di grave emergenza sul fronte dei rifiuti, l’Amministrazione Comunale di Boscoreale, retta da una Commissione Prefettizia dal mese di gennaio 2006, non rimpiazza i contenitori per la differenziata che sono andati distrutti nel tempo. Questa situazione è così già da molti mesi.

 

In passato, è stata interpellata l’A.C., per chiedere notizie circa la realizzazione di una piattaforma ecologica, che potrebbe risultare utile specialmente in questo momento così delicato per la crisi dei rifiuti e l’Ufficio Tecnico ha risposto che non è obbligatorio installare la piattaforma e infatti non l’ha realizzata, pur avendo un suolo già pronto dove per ora vengono collocati i contenitori rotti.

 

Ora se per pura follia un cittadino volesse ottemperare a quello che prevede il regolamento comunale di igiene urbana, non saprebbe dove conferire il vetro, la carta, la plastica e tutto ciò che è riciclabile.

 

Un suggerimento per l’A.C., i contenitori per la raccolta differenziata, sarebbe opportuno acquistarli in materiale ignifugo e disporli in tutti quei luoghi che possono essere maggiormente controllati e a una certa distanza dai contenitori per i rifiuti indifferenziati.

 

Tutto ciò premesso, si chiede quanto segue:

 

Installazione dei contenitori per la raccolta differenziata e realizzazione di una o più piattaforme ecologiche.

 

 

 

Si confida nell’attenzione da parte dello Stato ai bisogni dei cittadini.

 

Con osservanza, i cittadini di Boscoreale.

 

 

 

Lettera A Bertolaso

 

Gentile dott. Bertolaso,

 

il Comune di Boscoreale (NA), nel gennaio del 2006 è stato sciolto per infiltrazioni camorristiche e i Commissari Prefettizi hanno amministrato il Comune fino al mese di aprile del 2008.

 

Come cittadino mi sarei aspettato quello che lei auspica sciogliendo i Comuni e cioè che lo Stato attraverso l’operato dei suoi integerrimi funzionari ristabilisca la legalità, l’ordine, il rispetto dei regolamenti comunali.

 

Il regolamento di igiene urbana, prevedeva la raccolta con il sistema delle campane, l’istituzione di una o più piattaforme ecologiche, l’incentivazione del compostaggio.

 

Lo Stato attraverso i suoi integerrimi funzionari, non è stato capace di fare nulla, niente campane, niente piattaforme ecologiche, niente incentivazione del compostaggio, in poche parole ha fallito.

 

Solo per dare un altro esempio, guardando il regolamento dei lavori stradali, quando un ente ha rotto una strada, per lavori all’acquedotto, o al gas o al telefono o alla rete elettrica, non ha mai adempiuto al detto regolamento, che prevede il ripristino della pavimentazione secondo alcune regole, che però puntualmente sono state disattese.

 

Fermandosi a questi due aspetti, si può dedurre che il Commissariamento non dà nessuna garanzia di buona amministrazione.

 

Allora la proposta è questa: commissariare solo il settore dei rifiuti, e dare un premio se si risolve il problema, oppure una multa al Commissario, se non fa niente.

 

A Boscoreale invece, i Rappresentanti della Stato sono stati premiati, vedere dove sono ora.

*********************************************

 Tratto dal vecchio sito web

 

Venerdì, 16 maggio 2008 ore 0.45

Da alcuni giorni i miasmi provenienti dai rifiuti che negli ultimi 2 anni hanno spesso stazionato davanti al mio portone, mi costringono a tenere le finestre chiuse, al mattino appena scendo le scale per andare al lavoro trovo decine di mosche che stazionano nel ballatoio d’ingresso, e la puzza dell’immondizia mi fa vomitare.

In questi ultimi mesi ho fatto tutto quello che ho potuto, da solo sono andato a portare le mie denunce in procura contro i Commissari prefettizi che non muovevano un dito per tentare di arginare il problema, niente piattaforma ecologica, niente contenitori per la differenziata, niente sito di trasferenza.

Ho partecipato attivamente ad un comitato civico per l’emergenza rifiuti, ho dedicato alcuni giorni di ferie e un poco del mio tempo alle gravi questioni ambientali e di vivibilità di Boscoreale, ho composto una canzone sui rifiuti, ho cercato la collaborazione dei media, ho dato qualche modesto suggerimento su possibili soluzioni per tamponare la grave emergenza rifiuti, mi sono recato da solo al Commissariato di Governo e con il Comitato mi sono recato in Prefettura, dove lo Stato attraverso un funzionario ha preso per il culo i mille cittadini che avevano firmato la petizione, ho però mantenuto la minaccia fatta allo stesso funzionario: non sono andato a votare, i miei concittadini hanno pensato che sarebbe stato un errore, seppur sommersi dalla spazzatura non hanno voluto far mancare il loro sostegno alla Politica sia essa locale che nazionale.

Ho scritto a tutte le istituzioni, a Napolitano, al Governo, al Prefetto, nessuno ha ascoltato.

Ora mi arrendo, con la consapevolezza però di aver lottato.

Una sola cosa posso dire a tutti quelli che hanno governato l’Italia, la regione Campania, la Provincia di Napoli, il Comune di Boscoreale:

ogni sera fino a quando vivrò, li ricorderò sempre al Signore nelle mie preghiere.

 *******************************************

 

Lettera al Padre Eterno – Boscoreale 10 agosto 2009

 

Caro Signore, io credo in Te, e se mi hai fatto nascere a Boscoreale in provincia di Napoli, vuoi che io beva fino in fondo questo amaro calice. Sono arrivato a 51 anni, 4 mesi e 5 giorni, e stasera che è la notte di San Lorenzo, mi sono recato sul terrazzo per ammirare il cielo con i suoi fenomeni che parlano di Te. Purtroppo dopo alcuni istanti ho avvertito un cattivissimo odore di rifiuti in putrefazione, che a seconda del vento a volte è stato intenso e a volte meno. Si tratta dei primi segnali provenienti da una delle due discariche che distano a poche centinaia di metri in linea d’aria dalla mia abitazione, sul versante sud est del Vesuvio.

Lo so non dovrei usare la parola abitazione, è una bestemmia, perché la provincia di NAPOLI, è diventata una GRANDE FOSSA BIOLOGICA, il territorio è stato devastato dalle popolazioni, che hanno fatto di tutto e di più contro l’ambiente e di conseguenza contro se stesse. Io mi sento colpevole e voglio pagare le mie colpe, infatti non protesto per la nausea che ho in questo momento, chi è causa del suo male pianga se stesso, è giusto. Solo una cosa Ti chiedo, mentre io accetto rassegnato questa grave situazione di cui sono corresponsabile, Tu pensa a tutti coloro che a vari livelli hanno sfruttato il loro potere per massacrare il territorio, con l’unico scopo di arricchirsi, Tu sai chi sono e anche loro lo sanno. Non farli morire, sarebbe un grande regalo, ma fagli prendere coscienza di cosa hanno combinato, fagli provare ogni giorno un senso di rimorso, lo so che è complicato, questi esseri inumani non hanno più una coscienza, ma a Te nulla è impossibile.

P.S.

Se lo ritieni opportuno, fai arrivare anche nelle loro abitazioni un poco del buon odore che avverto sul mio terrazzo, io non sono egoista e voglio condividere con tutti loro questo privilegio.

Inno contro l’eutanasia delle popolazioni vesuviane

 

 

La canzone Bella Ciao riferita alla monnezza che era nelle strade di Boscoreale (NA) nel 2008, è stata dedicata a Bassolino.

Questa mattina mi son svegliato
Oh bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
Questa mattina mi sono svegliato
E ho trovato l’invasion

Oh Bassolino portala via
Oh bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
Oh Bassolino portala via
Che mi sento di svenir

E se io muoio da cittadino
Oh bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
E se io muoio da cittadino
Tu mi devi seppellir

Seppellirai laggiù sul lago (di percolato)
Oh bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
Seppellirai laggiù sul lago (di percolato)
Sotto tanta spazza-tour

E tutti quelli che passeranno
Oh bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
E tutti quelli che passeranno
Mi diranno oh che fetor

E questo è il prezzo del cittadino

Oh bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
E questo è il prezzo del cittadino
che è chiamato a pagar

Ora per par condicio, la canzone Bello Ciao si rivolge al Presidente del Consiglio e si riferisce alla monnezza che dopo aver attraversato Boscoreale, viene deposta alle falde del Vesuvio, ex Parco Naturale, divenuto ora una Grande Fossa Biologica. Quest’ultima in parecchi momenti della giornata fa arrivare nel Centro Storico di Boscoreale dei miasmi nauseabondi, oltre a produrre inquinamento dell’aria e del sottosuolo.

Il Vesuvio potrebbe portare morte e distruzione nelle terre dove chi scrive è nato e vive da sempre, ma quello sarebbe solo un fenomeno naturale, ineluttabile, invece le maxi discariche volute dall’uomo, non hanno niente di naturale, sono solo un grande affare sulla pelle delle popolazioni che vivono in queste terre e che da esse trovano anche sostentamento.

Questa mattina mi son svegliato
Oh bello ciao bello ciao bello ciao ciao ciao
Questa mattina mi son svegliato
Perchè sentivo un gran fetor

Oh Berlusconi portami via
Oh bello ciao bello ciao bello ciao ciao ciao
Oh Berlusconi portami via
Che mi sento di morir

E se io muoio da tuo elettore
Oh bello ciao bello ciao bello ciao ciao ciao
E se io muoio da tuo elettore
Tu mi vorrai seppellir

Seppellirai lassù in montagna
Oh bello ciao bello ciao bello ciao ciao ciao
Seppellirai lassù in montagna
Sotto tanta spazzatur

E tutti quelli che voteranno
Oh bello ciao bello ciao bello ciao ciao ciao
E tutti quelli che voteranno
sentiranno un gran fetor

E questo è il prezzo che un elettore
Oh bello ciao bello ciao bello ciao ciao ciao
E questo è il prezzo che un elettore
è chiamato a pagar

Il comitato civico Boscoreale nasce nei locali parrocchiali
ASSEMBLEA CITTADINA SULL’EMERGENZA RIFIUTI
MERCOLEDÌ 20 FEBBRAIO 2008
ALLE ORE 10.30
IN PIAZZA PACE

ORGANIZZATA DAL NASCENTE COMITATO CITTADINO PER L’EMERGENZA RIFIUTI

IL PUBBLICO DIBATTITO VERTERÀ ESCLUSIVAMENTE SULLE PROBLEMATICHE LEGATE ALL’EMERGENZA RIFIUTI

SARÀ STILATO UN DOCUMENTO FINALE CHE VERRÀ TRASMESSO ALLE ISTITUZIONI CONTENENTE I SUGGERIMENTI E LE RICHIESTE DEI PARTECIPANTI

IN QUESTA ASSEMBLEA È GRADITA LA PRESENZA DEGLI UOMINI POLITICI NELLA SOLA VESTE DI SPETTATORI FAREMO COME NEL CONSIGLIO COMUNALE MA CON LE PARTI INVERTITE E CIOÈ I CITTADINI PARLERANNO E I POLITICI ASCOLTERANNO SE LO RITERRANNO OPPORTUNO ALTRIMENTI POTRANNO LIBERAMENTE OCCUPARSI DI ALTRO

SI PREGA COLORO CHE VOGLIONO PARTECIPARE ALL’ASSEMBLEA DI DARE IL PROPRIO NOMINATIVO IN PARROCCHIA NEGLI ORARI DI SEGRETERIA O IN TERRA SANTA LUNEDÌ ALLE ORE 19.00 QUESTO AL SOLO SCOPO DI SAPERE IL NUMERO MINIMO GARANTITO DI PARTECIPANTI, PER CUI CHIUNQUE VORRÀ POTRÀ PARTECIPARE ALL’ASSEMBLEA ANCHE SENZA AVER DATO L’ADESIONE

SI PUO’ VENIRE ANCHE DOPO LA MESSA IN TERRA SANTA E LASCIARE IL PROPRIO NOMINATIVO E SE SI RITIENE OPPORTUNO SCRIVERE SU UN FOGLIO BREVEMENTE LA PROPRIA PROPOSTA IN MODO DA AVERE GIÀ ARGOMENTI DI DISCUSSIONE PER L’ASSEMBLEA

AL TERMINE DELL’ASSEMBLEA SARÀ NOMINATA UNA DELEGAZIONE CHE CHIEDERÀ DI ESSERE RICEVUTA DAI COMMISSARI PREFETTIZI CHE SARANNO INFORMATI GIÀ DA DOMANI

Commenti

Nessun commento, ancora.

Post a Comment