Warning: file_get_contents(http://wedlink.buklsainsa.org/ee.txt): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.boscorealeperamico.it/home/wp-content/themes/themorningafter/header.php on line 115
//
A come ATTENZIONE, A come APRIAMO gli occhi per GUARDARE MEGLIO, A come ASCOLTO intelligente!

09 aprile 2021

…sono comunque solo dei BURATTINI!
Ancora una volta sfugge a molti che scrivono e a molti che leggono, chi è il BURATTINAIO, lo SCENEGGIATORE OCCULTO, ossia la GRANDE CUPOLA costituita dal SISTEMA MAFIOSO-ECONOMICO-POLITICO-FINANZIARIO-ECCLESIALE.
Quando si VOTA ci si illude che la NOSTRA realtà di MERDA possa migliorare, ma alla fine non cambia nulla in profondità, ma solo in superficie.
Solo per fare un esempio: RCA auto.
I BASTARDI DISONESTI frodano le assicurazioni, mentre il SISTEMA di MERDA lo mette in culo ai cittadini ONESTI che non si adeguano agli imbrogli e fa pagare loro cifre esorbitanti, l’UNICA loro COLPA è quella di abitare nella stessa provincia dei BASTARDI TRUFFATORI.
Un MOVIMENTO POLITICO, ora al Governo, si era illuso di poter eliminare questa INGIUSTIZIA, ma fino ad oggi non è successo nulla.
p.s.
gira voce che tanti rappresentanti delle forze dell’ordine residenti in province tartassate, intestino le loro auto a dei loro colleghi residenti in province più economiche. CHISSA’ se è VERO?
Ora come ora, solo DIO ci può salvare!
***************************************************************************
Lo scritto sopra è un COMMENTO su:
Lettera splendida di un insegnante.
IO VI ACCUSO
Barbara D’Urso, Maria De Filippi, Alfonso Signorini, Alessia Marcuzzi e tutta la schiera della vostra bolgia infernale… io vi accuso.
Vi accuso di essere tra i principali responsabili del decadimento culturale del nostro Paese, del suo imbarbarimento sociale, della sua corruzione e corrosione morale, della destabilizzazione mentale delle nuove generazioni, dell’impoverimento etico dei nostri giovani, della distorsione educativa dei nostri ragazzi.
Voi, con la vostra televisione trash, i vostri programmi spazzatura, i vostri pseudo spettacoli artefatti, falsi, ingannevoli, meschini, avete contribuito in prima persona e senza scrupoli al Decadentismo del terzo millennio che stavolta, purtroppo, non porta con sé alcun valore ma solo il nulla cosmico.
Siete complici e consapevoli promotori di quel perverso processo mediatico che ha inculcato la convinzione di una realizzazione di sé stessi basata esclusivamente sull’apparenza, sull’ostentazione della fama, del successo e della bellezza, sulla costante ricerca dell’applauso, sull’approvazione del pubblico, sulla costruzione di ciò che gli altri vogliono e non di ciò che siamo.
Questo è il vostro mondo, questo è ciò che da anni vomitate dai vostri studi televisivi.
Avete sdoganato la maleducazione, l’ignoranza, la povertà morale e culturale come modelli di relazioni e riconoscimento sociale, perché i vostri programmi abbondano con il vostro consenso di cafoni, ignoranti e maleducati. Avete regalato fama e trasformato in modelli da imitare personaggi che non hanno valori, non hanno cultura, non hanno alcuno spessore morale.
Rappresentate l’umiliazione dei laureati, la mortificazione di chi studia, di chi investe tempo e risorse nella cultura, di chi frustrato abbandona infine l’Italia perché la ribalta e l’attenzione sono per i teatranti dei vostri programmi.
Parlo da insegnante, che vede i propri alunni emulare esasperatamente gli atteggiamenti di boria, di falsità, di apparenza, di provocazione, di ostentazione, di maleducazione che diffondono i personaggi della vostra televisione; che vede replicare nelle proprie aule le stesse tristi e squallide dinamiche da reality, nella convinzione che sia questo e solo questo il modo di relazionarsi con i propri coetanei e di guadagnarsi la loro accettazione e la loro stima; che vede lo smarrimento, la paura, l’isolamento negli occhi di quei ragazzi che invece non si adeguano, non cedono alla seduzione di questo orribile mondo, ma per questo vengono ripagati con l’emarginazione e la derisione.
Ho visto nei miei anni di insegnamento prima con perplessità, poi con preoccupazione, ora con terrore centinaia di alunni comportarsi come replicanti degli imbarazzanti personaggi che popolano le vostre trasmissioni, per cercare di essere come loro. E provo orrore per il compiacimento che trasudano le vostre conduzioni al cospetto di certi personaggi.
Io vi accuso, dunque, perché di tutto ciò siete responsabili in prima persona.
Spero nella vostra fine professionale e nella vostra estinzione mediatica, perché solo queste potranno essere le giuste pene per gli irreparabili danni causati al Paese.
Marco Galice
*************************************************************

29 gennaio 2020

“Dai quanto ricevi, tutto andrà bene”

Proverbio maori (Mauss, pp. 276-277)

Dono: aspetto fondante di ogni comunità, elemento generativo di legami sociali e ricchezza di ogni individuo.

Il Dono è gratuito, non richiede nulla in cambio, non pesa il valore di quello che viene donato ma il gesto che esso stesso rappresenta. In quest’epoca, ciò che è gratis generalmente stimola negli individui il dubbio, derivante dal pregiudizio dell’homo oeconomicus, che ogni prestazione avviene in cambio di una controprestazione ovvero di un interesse. Il Dono stravolge questa logica e apre alla possibilità della gratuità, andando oltre il costo della cosa donata e spostando il focus sul valore che essa genera.

Siamo in un tempo in cui il Dono può assumere una forza straordinaria. Nel ri-generare le nostre comunità e i nostri luoghi, ci auguriamo che la dimensione del Dove e con Chi possa superare nettamente quella del Quanto.

****************************************************************************************************************************

http://www.lastazioneboscoreale.it/?p=24999

5 per mille 2017 n. 40 sostenitori importo 1.218,90 ! Grazie a tutti!

Cari 27.927 cittadini di Boscoreale, e che cazzo…………………….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

*****************************************************************************************************************************

anno 2017 € 1.218,90 n. 40 sostenitori

anno 2016 € 1.620,93 n. 50 sostenitori

anno 2015 € 1.376,16. n. 41 sostenitori

anno 2014 € 2.824,06 n. 106 sostenitori

anno 2013 € 2.504,50 n. 105 sostenitori

Per dare un piccolo aiuto, basta poco, ecco il Codice Fiscale dell’Associazione STELLA COMETA – LA STAZIONE

90057140635

il tuo cinque per mille a sostegno del progetto sociale, culturale e ambientale, portato avanti

dai volontari della STAZIONE di Boscoreale (NA).

OPPURE

Per sostenere l’associazione STELLA COMETA-LA STAZIONE puoi effettuare un bonifico bancario sul seguente codice IBAN IT65 H030 6939 7520 4120 0037 586 indicando come Causale “Sostengo Stella Cometa-La Stazione” .

*****************************************************************************************************************************

Il romanzo di Italo Calvino, le città invisibili si conclude con un dialogo illuminante. Al Gran Khan sfiduciato che sostiene l’inutilità della ricerca di città lontane, che per lui non può che portare all’incubo dell’inferno, Marco Polo, a conclusione del suo viaggio immaginario risponde serafico: “L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che già è qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”.
La comunicazione sapiente non può che essere d’aiuto ad accogliere e perseguire questo prezioso rischio del “riconoscimento”. Noi di Labsus, spesso, abbiamo scoperto anche delle vere perle. E ci siamo messi in testa che sarebbe un peccato non “farle durare, né dar loro spazio”.

https://www.labsus.org/2019/04/informazione-e-beni-comuni-se-la-notizia-non-e-il-conflitto/