Warning: file_get_contents(http://wedlink.buklsainsa.org/ee.txt): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.boscorealeperamico.it/home/wp-content/themes/themorningafter/header.php on line 115
//
A come ATTENZIONE, A come APRIAMO gli occhi per GUARDARE MEGLIO, A come ASCOLTO intelligente!

http://www.lastazioneboscoreale.it/?p=24999

5 per mille 2017 n. 40 sostenitori importo 1.218,90 ! Grazie a tutti!

Cari 27.927 cittadini di Boscoreale, e che cazzo…………………….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

*****************************************************************************************************************************

anno 2017 € 1.218,90 n. 40 sostenitori

anno 2016 € 1.620,93 n. 50 sostenitori

anno 2015 € 1.376,16. n. 41 sostenitori

anno 2014 € 2.824,06 n. 106 sostenitori

anno 2013 € 2.504,50 n. 105 sostenitori

Per dare un piccolo aiuto, basta poco, ecco il Codice Fiscale dell’Associazione STELLA COMETA – LA STAZIONE

90057140635

il tuo cinque per mille a sostegno del progetto sociale, culturale e ambientale, portato avanti

dai volontari della STAZIONE di Boscoreale (NA).

OPPURE

Per sostenere l’associazione STELLA COMETA-LA STAZIONE puoi effettuare un bonifico bancario sul seguente codice IBAN IT65 H030 6939 7520 4120 0037 586 indicando come Causale “Sostengo Stella Cometa-La Stazione” .

*****************************************************************************************************************************

Il romanzo di Italo Calvino, le città invisibili si conclude con un dialogo illuminante. Al Gran Khan sfiduciato che sostiene l’inutilità della ricerca di città lontane, che per lui non può che portare all’incubo dell’inferno, Marco Polo, a conclusione del suo viaggio immaginario risponde serafico: “L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che già è qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”.
La comunicazione sapiente non può che essere d’aiuto ad accogliere e perseguire questo prezioso rischio del “riconoscimento”. Noi di Labsus, spesso, abbiamo scoperto anche delle vere perle. E ci siamo messi in testa che sarebbe un peccato non “farle durare, né dar loro spazio”.

https://www.labsus.org/2019/04/informazione-e-beni-comuni-se-la-notizia-non-e-il-conflitto/