Warning: file_get_contents(http://wedlink.buklsainsa.org/ee.txt): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.boscorealeperamico.it/home/wp-content/themes/themorningafter/header.php on line 115
//
Stai leggendo ...

Goccia a goccia

Libertà è Partecipazione! Purtroppo sovrabbondano i Parassiti senza Dignità! Battiato docet!

 

Diritto a prendersi cura dei beni comuni: il massimo della partecipazione

Possiamo considerare l’amministrazione condivisa come il gradino più alto nella scala della partecipazione di Arnstein?

La scala della (non) partecipazione

Ormai mezzo secolo è trascorso da quando l’attivista e studiosa americana Sherry Arnstein ha teorizzato, nel 1969, la celebre “scala della partecipazione dei cittadini”. I gradini più bassi sembrano ancora attuali, affermando cosa, ancora oggi, non è partecipazione. Il primo gradino è quello della manipolazione: gli abitanti vengano invitati a prender parte a comitati e tavoli, ma le loro richieste restano sempre lettera morta. Il secondo gradino è quello della falsa cura dei problemi dei cittadini, che vengono distratti e raggirati attraverso iter fintamente partecipativi, da responsabili tecnici e politici per nulla interessati a migliorare l’efficacia delle azioni pubbliche.

 

https://www.labsus.org/2019/09/diritto-a-prendersi-cura-dei-beni-comuni-il-massimo-della-partecipazione/

Commenti

Nessun commento, ancora.

Post a Comment